FUJIEDA MYFC

藤枝MYFC

Sito Web Ufficiale - www.myfc.co.jp

CITTA' PREFETTURA FONDAZIONE COMPAGNIA

FUJIEDA 藤枝市        

SHIZUOKA 静岡県               

2009 

- 


FORMAZIONE TIPO - 3 4 2 1

Clicca sull'immagine per ingrandire

GIOCATORI BASE
NUM RUOLO GIOCATORE NAZIONE DATA NUOVO
1 POR MIYAKE Takanori JAP  15.02.1992  
26 POR TAGUCHI Junto JAP  28.09.1996 NEW
22  DIF HISADOMI Ryosuke JAP  19.03.1991   
5 DIF ASADA Daiki JAP  05.04.1989  
6 DIF FUKUO Tadayo  CAP  JAP  06.05.1984  
29 DIF KAWASHIMA Nobuyuki JAP  04.02.1992  
3 DIF NISHIMURA Yohei JAP 01.06.1993 NEW
28 CEN OTAKE Ryuto JAP 29.06.1988 NEW
16 CEN SAMESHIMA Kota JAP 24.06.1992  
7 CEN EDAMOTO Yuichiro JAP 06.08.1988  
14 CEN HIRAISHI Naoto JAP 23.12.1991  
19 CEN OCHI Ryosuke JAP  07.04.1990  
10 CEN OSAKO Nozomi JAP 27.09.1990  
20 CEN KAKIGI Ryosuke JAP 23.12.1991  
15 CEN MIZUNO Taisuke JAP 04.05.1993 NEW
9 ATT DOI Ryota JAP 27.08.1987 NEW
8 ATT ENDO Keisuke JAP   20.05.1989  
13 ATT MIYOSHI Hirochika JAP 17.05.1987  
   Allenatore OISHI Atsuto  JAP    
PALMARES

Nessun Titolo

 

LO STADIO

 

FUJIEDA SPORT COMPLEX PARK

( Capienza 13.000 ) 

〒425-00087

Prefettura di Shizuoka

Fujieda - Yaizu

Hofukujima

 950 - 1

 

Foto Wikimedia Commons - Autore: Waka77 

(Opera propria) [CC0]


FUJIEDA SPORT COMPLEX PARK STADIUM 藤枝 スポーツコンプレックス スタジアム - Il Fujieda MYFC gioca le proprie gare interne in questo impianto ma all'occorrenza puà beneficiare del ben più capiente Ecopa Stadium (vedi sotto). Lo stadio è inserito all'interno di in un parco nel quale sono presenti diverse strutture sportive. Il Fujieda Sport Complex è stato costruito in occasione dei Mondiali 2002 ed è stato utilizzato come campo di allenamento della nazionale del Senegal. Oltre al calcio sono presenti impianti dedicati al baseball, all'atletica, al golf e al pattinaggio. Lo stadio può ospitare fino a 13.000 spettatori: la tribuna principale è comoda e dispone di circa 5.000 posti a sedere mentre il resto del pubblico si deve accomodare sul prato ai bordi del terreno di gioco, usanza tipicamente giapponese. All'interno le strutture sono all'avanguardia: comodissimi spogliatoi con spazio indoor per allenamento, sala conferenze, ambulatorio con annessa sala operatoria e una galleria espositiva con cimeli della nazionale del Senegal, della Nadeshiko (la nazionale femminile giapponese) e di alcune maglie gentilmente donate Makoto Hasebe, centrocampista della Nazionale maggiore e dell'Eintracht di Francoforte e da Nobuhisa Yamada, anch'egli Nazionale e mediano negli Urawa Red Diamonds, entrambi nativi proprio di Fujieda e molto legati alla comunità locale. Ulteriori informazioni sul Fujieda Sport Complex Park sono disponibili visitando il sito ufficiale http://www.fujiedascp.com.

FUJIEDA SPORT COMPLEX AREA MAP - 藤枝 スポーツコンプレックスの地図

Clicca sul riquadro in basso a sinistra per passare da Satellite a Mappa e sul pulsante +/- per lo Zoom


 

ECOPA STADIUM

( Capienza 50.889 ) 

〒437-0031 Prefettura di Shizuoka

Fukuroi-shi,

Aino 2300 - 1

 

Foto Wikimedia Commons - Autore: WAKA77

(撮影者自身による投稿 ( It took a picture for myself )) [Public domain]


ECOPA STADIUM  エコパ スタジアム - Quando il calendario prevede partite di particolare importanza e l’afflusso di pubblico risulta ingestibile per il piccolo stadio di Fujieda, la squadra disputa le proprie gare casalinghe all’ Ecopa Stadium. Si tratta di una eventualità piuttosto rara, è bene specificarlo. L’impianto è stato ultimato nel marzo 2001 (dopo 3 anni di lavori) in vista dei Mondiali 2002, ha una capacità di circa 51.000 posti a sedere ed è utilizzato prevalentemente in occasione dei derby con le altre due squadre della prefettura di Shizuoka, che al momento sono decisamente più famose del Fujieda: lo Shimizu S-Pulse e il Jubilo Iwata. La proprietaria è la prefettura di Shizuoka che lo mette a disposizione su richiesta per i vari eventi: oltre al calcio ospita i meeting di atletica ma anche concerti e manifestazioni. E' situato a soli 9 km dallo Yamaha Stadium di Iwata ed è quindi molto comodo soprattutto per i tifosi del Jubilo mentre da Fujieda dista circa 50 Km. Durante la Coppa del Mondo del 2002 si sono giocate tre partite in questo stadio: due relative ai gruppi di qualificazione e un quarto di finale. Una particolarità di questa struttura sono gli spalti retrattili in prossimità del terreno di gioco che permettono di aumentare all'occorrenza la capienza dello stadio.

ECOPA STADIUM AREA MAP - エコパ スタジアムの地図

Clicca sul riquadro in basso a sinistra per passare da Satellite a Mappa e sul pulsante +/- per lo Zoom

LA MAGLIA
Maglia 1
Maglia 1
Maglia 2
Maglia 2

IL NOME

FUJIEDA 藤枝- E' la città sede del club, situata nella prefettura di Shizuoka, zona rinomata in tutto il Giappone per la scuola calcistica e la produzione di talenti. E' stata una delle famose "stazioni" della Tokaido 東海道, antica strada che collegava l'allora capitale Kyoto con Edo, la moderna Tokyo, e quindi arteria di comunicazione di enorme importanza e passaggio. La posizione geografica permette alla città di Fujieda di godere di un piacevole clima marittimo con inverni non eccessivamente freddi. 

MYFC 讃岐 -  Significa "il mio football club" ed esprime l'origine della squadra, fondata grazie a una sottoscrizione online: primo progetto in assoluto di questo tipo in tutto il Giappone.

 

IL LOGO

Il logo del club è costituito da uno scudetto a 5 righe verticali biancoverdi (3 verdi e 2 bianche) con dettagli lilla: il colore richiama quello delle fiore simbolo della città, la Wisteria, comunemente conosciuta come glicine. Nella parte alta del logo spuntano da entrambi i lati le foglie di questo fiore mentre nella parte inferiore un drappo, sempre lilla, reca la scritta "since 2009" ad indicare l'anno di fondazione della squadra. Al centro dell'emblema il nome MYFC e un pallone ornato da glicine e sormontato da un UGUISU ウグイス, uccello passeriforme conosciuto come "usignolo giapponese dei cespugli", altro simbolo di Fujieda. Il nome però non deve creare confusione perché non è assolutamente un usignolo ma un passero: si tratta di un volatile che resta spesso nascosto tra il fogliame e per questo è più facile da sentire che da vedere. Durante l'inverno il suo richiamo è piuttosto flebile mentre con lo sbocciare della primavera si fa più alto e distinto e per i giapponesi è sinonimo dell'aprirsi della bella stagione. La bellezza del suo canto è tale che spesso viene scambiato per un usignolo, come si accennava in apertura. E' molto amato in Giappone ed è soggetto di molte poesie, canzoni, diverse forme d'arte e non ultimo anche uno dei motivi preferiti nei tessuti per kimono femminili. Infine un cenno alla famosa "polvere di uguisu", molto conosciuta in Giappone, e ricavata dagli escrementi di questo uccello che contengono un preziosissimo enzima dalle proprietà sbiancanti molto utilizzato in cosmesi e nel tessile.

 

LA STORIA

Il club nasce nel 2009 fondato da sottoscrittori online tramite adesione al progetto MYFC, prima esperienza di questo tipo in assoluto in Giappone: l'azione mira a creare una squadra calcistica via web e gestirla attraverso i voti dei membri che tramite internet determinano le scelte da fare, dalle più importanti e influenti, come per esempio l'acquisto/cessione di un giocatore, fino a quelle secondarie, come il cibo da proporre allo stadio o il nome della mascotte. Questo tipo di progetto ha avuto un'ampia diffusione a livello internazionale e altri club sono nati seguendo lo stesso iter costitutivo e le stesse regole: ad esempio in Italia nel 2008 nacque "Squadramia" che raggiunte le 20.000 adesioni comprò una quota del Santarcangelo Calcio, che allora militava in Serie D e oggi è in LegaPro. Nel resto del mondo, giusto per fare qualche nome, troviamo l'Ebbsfleet United FC (nel Kent in Inghilterra), il SC Fortuna Koln (a Colonia, in Germania) e l' Hapoel Kiryat Shalom FC (in Israele).

I sottoscrittori giapponesi acquistano il Fujieda Nelson CF, squadra già esistente in città, e con il perfezionamento dell'operazione fondano la nuova squadra che assume la denominazione ufficiale di FUJIEDA MYFC. Per cercare di portare subito in alto il club nel 2010 viene decisa la fusione con il Shizuoka FC (club dalla storia interessante, vedi sezione "Curiosità" in basso), altro club che gravitava nella medesima zona prefetturale, che si unisce al FUJIEDA dando vita al SHIZUOKA FUJIEDA MYFC: viene assunto come player/manager Toshihide Saito, un giocatore con esperienza internazionale (vedi sotto la sezione "Giocatori Celebri").

Al termine della stagione 2011 arriva subito la promozione in JFL (Japan Football League) e la squadra cambia nuovamente il proprio nome, questa volta in modo definitivo, rinunciando al termine Shizuoka e diventando più semplicemente FUJIEDA MYFC. Nella nuova categoria la formazione di Toshihide Saito si assesta abbastanza agevolmente in tranquille posizioni di centroclassifica, senza mai rischiare di retrocedere nuovamente a livello regionale.

Nel 2014 viene creata la JLeague 3 e il Fujieda MYFC viene invitato a farne parte, anche perchè già in possesso di tutti i relativi requisiti, stadio incluso. Con il salto di categoria l'allenatore Saito rassegna consapevolmente le dimissioni, conscio di non poter più rendersi utile a quel livello. Il suo lavoro di costruzione non sarà mai dimenticato a Fujieda, sia dal club che dai tifosi per i quali rappresenta un idolo ancora oggi: la sua maglia numero 2 è stata ritirata.

Nel 2016 il Fujieda conclude il campionato di JLeague3 al 7°posto, miglior piazzamento in assoluto nella storia del club. 

 

GIOCATORI CELEBRI

SAITO Toshihide - 斉藤 俊秀

(Shimizu-ku, Shizuoka - 20.4.1973)

difensore centrale

57 presenze - 6 reti - in Nazionale 17 presenze 

Il giocatore più famoso in assoluto ad aver indossato la maglia del Fujieda MYFC e al quale il club deve molto. Saito è nato e cresciuto nella prefettura di Shizuoka, a Shimizu, e ha esordito in JL1 con la maglia dei locali S-Pulse nel 1996 vincendo subito il premio di "miglior giovane giocatore dell'anno". Si dimostra difensore di ottimo livello tanto da essere convocato anche in Nazionale. Lascia gli orange dopo 11 stagioni accasandosi allo Shonan Bellmare dove però resta solo 2 anni prima di approdare finalmente al Fujieda nel 2009 dove riveste il non facile ruolo di player-manager: è una scelta piuttosto forte perché all'epoca il club militava ancora nelle leghe prefetturali minori. Dirigendo la squadra direttamente dal campo Saito porta il Fujieda alla promozione al successivo livello Regionale e poi nel 2012 nella ambita Japan Football League, un traguardo impensabile fino a un lustro prima. Al termine della stagione 2013 il Fujieda approda in JL3 e Saito lascia il club, ritenendo giustamente di aver ormai terminato nel miglior modo possibile il ciclo di gestione come allenatore e, ormai 40enne, di non poter più dare il proprio contributo in campo a quel livello. Il suo massimo momento come calciatore lo ha raggiunto entrando nella rosa del Giappone ai Mondiali 1998, anche se non è mai stato utilizzato dal tecnico Takeshi Okada. In suo onore la maglia numero 2 del Fujieda MYFC è stata ritirata dal club.

  

IL TIFO 

Fujieda è situata a metà strada tra Iwata e Shimizu, città che ospitano le due squadre più importanti della regione e tra le più amate del paese: per questo non è raro, specie tra i meno giovani, che i tifosi abbiano una predilezione per una delle due "big" oltre che per la squadra della propria città. Come capita anche in Italia dove spesso si ha un tifo, o almeno una "simpatia", per una delle grandi storiche del nostro calcio, Juve, Milan, Inter, Roma o Napoli in base al luogo di residenza.

Prima delle partite i supporters propongono il loro merchandise nello stand ubicato nei pressi dell'ingresso riservato ai tifosi locali: c'è di tutto, dalla classica sciarpa (1500円, molto bella, in tinta lilla con inserti verde chiaro a linee orizzontali e scritta bianca) alle t-shirt con logo (2500円) fino ad adesivi e spillette (600円). Vengono vendute anche bandiere lilla con il logo del club (700円) ma con precise indicazioni di utilizzo durante la partita (purtroppo solo in giapponese), che sono elencate sotto la dicitura "seguendo le buone maniere": vi si raccomanda di non sventolarla in modo eccessivo durante il gioco per non limitare la visione dell'evento agli spettatori vicini e in ogni caso di utilizzarla in modo da non recare disturbo agli altri. 

 

LA MASCOTTE

La mascotte non può essere che un UGUISU ウグイス che come abbiamo già visto nella sezione dedicata al "Logo" è l'uccello simbolo della città, di colore verde e con il piumaggio che sfuma nel lilla del glicine (Wisteria, vedi sempre la sezione che descrive il Logo). E' sempre ritratto con un pallone da calcio, scarpe con tacchetti e con la divisa ufficiale del club.

 

CURIOSITA'

Quando il progetto FUJIEDA MYFC prende corpo il problema più importante che i sottoscrittori e la dirigenza devono affrontare è quello della mancanza di adeguati diritti sportivi e di dover quindi cominciare la propria storia dal punto più basso della graduatoria del calcio giapponese: questo significa rallentare in modo significativo lo sviluppo del club. La soluzione al problema viene individuata nel SHIZUOKA FC, squadra già esistente dal 2002 con sede nell'omonima capitale prefetturale. La storia del Shizuoka FC inizia nel 2001 quando il Yamakiya Club, fondato nel 1980 e militante nelle categorie prefetturali minori, viene acquistato da Hajime Morishita (ex presidente del Verdy Kawasaki, oggi Tokyo Verdy) e dai fratelli Yashiro e Tadao Noya, famosi a Shizuoka per il loro legame con KAZUYOSHI MIURA, vera e propria leggenda vivente del calcio nipponico ancora oggi in attività con lo Yokohama FC: il mitico "KAZU" parla di TADAO NOYA come la persona che lo ha formato come atleta e calciatore. La presenza di uomini di questa esperienza e importanza, soprattutto a livello di conoscenze e rapporti nel mondo del calcio, rende il Shizuoka FC immediatamente competitivo, al punto che diventa una delle formazioni più forti del campionato regionale del Tokai. Considerando la posizione geografica (nel bel mezzo tra Shimizu e Iwata) e il blasone del Jubilo Iwata e

dello Shimizu S-Pulse, il club non sembra però avere grandi margini di crescita in termini di seguito, almeno ad alto livello. Nel corso delle stagioni successive la squadra sfiora più volte la promozione in JFL ma avverte sempre più l'assenza di un bacino di tifosi adeguato e la mancanza delle strutture e della solidità economica necessaria per crescere ulteriormente a livello professionistico. La fusione con il FUJIEDA MYFC ha dato benefici a entrambe le squadre e la nuova realtà così formata ha potuto coltivare realistiche ambizioni di promozione in Japan Football League. La principale caratteristica del SHIZUOKA FC è sempre stata quella di avere un logo calcisticamente splendido, riconosciuto come uno dei più "indovinati" nel panorama calcistico nipponico (nell'immagine sopra a destra). L'emblema raffigura un kabuto, l'elmo della tradizionale armatura dei samurai, con l'emblema (il Mon) della famiglia Tokugawa, un simbolo maestoso che ha portato a soprannominare la squadra "the samurai black". La maglia era a strisce verticali bianconere.