JEF UNITED

  ジェフ ユナイテッド 市原

Sito Web Ufficiale - www.jefunited.co.jp

CITTA' PREFETTURA FONDAZIONE COMPAGNIA

ICHIHARA 市原市      

CHIBA 千葉県        

1946

FURUKAWA ELECTRIC


FORMAZIONE TIPO - 4 3 1 2
GIOCATORI BASE
NUM RUOLO GIOCATORE NAZIONE DATA NUOVO
29 POR YAMAMOTO Kaito JAP  10.07.1985 NEW 
23 POR SATO Yuya   JAP 10.02.1986  
4 DIF KITAZUME Kengo JAP 30.04.1992  
3 DIF KONDO Naoya  CAP  JAP 03.10.1983  
26 DIF OKANO Jun JAP 09.12.1997  
5 DIF TATARA Atsuto JAP 23.06.1987  
37 DIF KIM Byeom-Yong SUD COREA 29.07.1990 NEW
20 DIF WAKASA Masashi JAP 24.07.1989  
14 CEN ARANDA Eduardo PARAGUAY 25.01.1985  
6 CEN YAMAMOTO Masaki JAP 24.08.1987  
32 CEN TAKAHASHI Issei JAP 20.04.1998  
8 CEN KIYOTAKE Koki JAP 20.03.1991 NEW
21 CEN SALINAS Jorge PARAGUAY 06.05.1992 NEW
10 CEN MACHIDA Yamato JAP 19.12.1989  
15 CEN KUMAGAI Andrew JAP 06.06.1993 NEW
9 ATT LARRIVEY Joaquin ARGENTINA 20.08.1984 NEW
11 ATT FUNAYAMA Takayuki JAP 06.05.1987  
50 ATT IBUSUKI Hiroshi JAP 27.02.1991 NEW
   Allenatore ESNAIDER Juan Eduardo ARGENTINA   NEW
 PALMARES

2 COPPE DI LEGA

2005 e 2006

 

 LO STADIO

 FUKUDA DENSHI ARENA

FUKU-ARI STADIUM  

( Capienza 19.780 ) 

〒260-0835 Prefettura di Chiba

Chiba-shi, 

Chuo-ku

Kawasakicho 1 - 20

 

Foto Wikimedia Commons - Autore: yoppy

 from Kawasaki, Kanagawa,

Japan (R1072181) [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)]


FUKUDA DENSHI ARENA フクダ電子アリーナ - Lo stadio è situato tra Chiba 千葉市 ed Ishihara 市原市, nell'area portuale di Soga 蘇我 dalla quale prese il nome (Soga Chiba City Football Stadium), in un luogo dove prima sorgeva una grande acciaieria della Kawasaki Steel. Questo è il primo impianto costruito in Giappone dopo la Coppa del Mondo 2002 ed è stato appositamente concepito per soddisfare le esigenze di una squadra di J.League, quindi con una capienza di 15.000/20.000 posti, in controtendenza con gli stadi sorti prima dei Mondiali caratterizzati da strutture di maggiori dimensioni e capacità praticamente doppia. La municipalità di Chiba 千葉市 in realtà sperava di essere selezionata come una delle sedi della Coppa del Mondo e di poter costruire uno stadio da 50.000 posti con i relativi fondi ma quando non venne inclusa tra le città ospitanti fu costretta a ripiegare su un impianto meno pretenzioso.

I diritti di denominazione sono stati ceduti alla Fukuda Denshi Co. Ltd, importante compagnia attiva nel settore della fabbricazione di componenti elettrici per uso medico che ha chiamato lo stadio Fukuda Denshi Arena: tra i tifosi locali però è conosciuto come Fuku-Ari フクアリ, un po' per brevità un po' come nomignolo. 

La struttura è molto bella da vedere (foto sotto a sinistra) pur essendo abbastanza semplice e all'interno la visuale del terreno di gioco è ottimale da ogni punto delle gradinate (situazione agevolata dalla assenza della pista di atletica).

L'impianto è facilmente raggiungibile in circa 45/50 minuti (il costo del biglietto è circa 800 Yen) dalla Tokyo Station (東京駅) mediante la JR Keiyo Line 京葉線 (da non confondere con la quasi omonima Keio Line) per la stazione di Soga (蘇我駅 Soga-eki) che si trova vicinissima al Fuku-Ari, al quale si arriva poi comodamente a piedi. Sconsiglio caldamente di andarci in macchina perché il giorno della partita le vie di accesso sono molto congestionate, inoltre il parcheggio è veramente difficoltoso: non fatevi ingannare dalla mappa, quello dello stadio è piuttosto limitato e l'area circostante non offre molti altri spazi nei quali lasciare la vettura perché i parcheggi adiacenti sono rigorosamente riservati alla clientela dei relativi centri commerciali e in molte strade limitrofe è proibito parcheggiare.

Foto Wikimedia Commons - Autore uemura

(サッカー観戦) [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)] 

Foto Wikimedia Commons - Autore

(Opera propria) [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)] 


FUKUDA DENSHI ARENA AREA MAP - フクダ電子アリーナの地図

Clicca sul riquadro in basso a sinistra per passare da Satellite a Mappa e sul pulsante +/- per lo Zoom


 LA MAGLIA
Maglia 1
Maglia 1
Maglia 2
Maglia 2

 IL NOME

JEF UNITED ジェフ ユナイテッド - Il nome risale al 1991 quando la JR East Company e la Furukawa Electric si fusero per formare il club: per creare il nome vennero utilizzate le iniziali J (JR) E (East) e F (Furukawa) mentre la parola United rappresenta l’unione fra la città e la squadra.                          

                               

 IL LOGO

E’ uno scudo diviso in tre sezioni trasversali, una rossa, una gialla ed una verde. All’interno un cane razza Akita 秋田 stilizzato rivolto verso sinistra. Si tratta di una razza canina tipicamente giapponese, utilizzata per la guardia e per la caccia. E’ una razza molto antica d'indole tranquilla (abbaia poco) e gentile con i padroni ma può diventare sospettoso ed aggressivo con gli estranei. E’ conosciuto in occidente come “Akita-Inu 秋田犬", ma erroneamente perché la parola “inu 犬” vuol dire cane in giapponese. Apparteneva alla razza Akita il famoso cane Hachiko ハチ公 che per la propria devozione al padrone è diventato un simbolo dei fedeltà in tutto il Giappone: una sua statua posizionata all’esterno della stazione di Shibuya 渋谷駅 a Tokyo è meta di turisti e punto d'incontro per la popolazione. Nel costume locale piccole statuine raffiguranti i cani Akita vengono regalate come augurio di felicità o di pronta guarigione.

L’emblema odierno del JEF UNITED è privo di scritte o riferimenti alla denominazione sociale mentre quello precedente (logo del tutto identico) riportava per intero il nome ufficiale della squadra che era JR East Furukawa Football Club.

 

 STORIA

La fondazione avviene nel 1946 su iniziativa della compagnia Furukawa Electric operante nel settore delle apparecchiature e componenti elettrici ed elettronici: essendo il team aziendale assume il nome di FURUKAWA ELECTRIC SC (Soccer Club). E’ considerata una delle squadre più importanti del Giappone avendo militato nella massima divisione per 44 anni consecutivi prima dell’unica retrocessione della sua storia (nel 2009) ed avendo vinto il campionato per due volte (nel 1976 e nel 1985). Inoltre è stato il primo team giapponese ad alzare la Coppa dei Campioni d’Asia nel 1986. 

Nel 1991 la Furukawa Electric e la JR East Company (leader nel trasporto ferroviario giapponese) decidono di fondere le rispettive squadre e formano il JEF UNITED ICHIHARA: l’intento è quello di iscrivere alla nascente J.League un team abbastanza forte economicamente ed organizzato sportivamente da poter rispettare i rigidi requisiti richiesti per l’ingresso nella nuova lega e di poter competere da subito per il titolo. Le ambizioni del club si manifestano immediatamente con l’acquisto della stella europea Pierre Littbarski, fantasista tedesco proveniente dal 1FC Koln (il Colonia). Purtroppo nonostante gli sforzi le prestazioni della squadra non sono entusiasmanti.

Nel 2003 con l’arrivo in panchina dell’esperto Ivica Osim le cose iniziano a migliorare. L’allenatore bosniaco allestisce una formazione solida e difficile da battere che ottiene una serie di ottimi piazzamenti in campionato e si aggiudica la COPPA DI LEGA 2005  battendo ai rigori (5 - 4) il Gamba Osaka in una finale molto equilibrata. 

Nel 2006 il JEF United stenta parecchio in J.League 1 (alla fine arriverà addirittura all'11°posto) ma  vince la  COPPA DI LEGA 2006  confermandosi campione con un netto 2 - 0 sui Kashima Antlers.

Al termine della stagione Ivica Osim lascia il club per assumere l’incarico di allenatore della Nazionale Giapponese: con l’addio di Osim la squadra inizia a peggiorare e si ritrova immediatamente nei bassifondi della classifica.

Nel 2009 dopo un campionato fallimentare (arriva all’ultimo posto) viene retrocesso per la prima volta nella sua storia in J.League 2. 

 

 GIOCATORI CELEBRI

LITTBARSKI Pierre

(Berlino, Germania - 16.4.1960)

ala destra

63 presenze - 10 reti

Giocatore di altissimo livello internazionale (Campione Mondiale 1990) è arrivato al club nel 1993 come uno dei "colpi di mercato" più importanti di quel periodo. Erano i primi anni della J.League e le squadre migliori cercarono di acquistare alcune stelle europee per promuovere la nuova lega. Ovviamente si trattava di giocatori celebri ma ormai nella fase finale della carriera ai quali interessava monetizzare il loro talento con un ricco contratto che in Europa nessuno avrebbe più offerto loro (ad esempio Lineker, Zico, Buchwald ecc). Littbarski scelse il JEF United ed è stato un giocatore di importanza fondamentale sia per le sue prestazioni in campo che nello sviluppo del calcio nipponico che si stava affacciando al professionismo puro. Era dotato di un dribbling micidiale e agiva come ala destra anche se con il passare degli anni e il conseguente appannamento della velocità si spostò nel ruolo di trequartista. Attualmente è il responsabile della rete degli osservatori del Wolfsburg (con risultati notevoli).

 

KAWABUCHI Saburo - 川淵三郎

(Takaishi, Osaka - 3.12.1936)

attaccante

68 presenze - 10 reti - in Nazionale 26 presenze - 8 reti

Kawabuchi è l'uomo che ha fortemente voluto la creazione della J.League ed è stato il primo presidente della lega. Come molti ragazzi della sua generazione è cresciuto giocando a baseball (lo sport più popolare del periodo) ma frequentando le scuole superiori e l'Università Waseda ha iniziato ad avvicinarsi al calcio.  Lavorando presso la Furukawa Electric Corporation fu naturale per Kawabuchi indossare la maglia della squadra della compagnia con la quale è sceso in campo fino al ritiro avvenuto nel 1970. Chiusa la carriera agonistica è diventato allenatore del club e per breve tempo anche della Nazionale. Tra il 2002 e il 2008 è stato presidente della J.F.A.

 

NAKANISHI Eisuke - 中西 永輔

(Suzuka, Mie - 23.6.1973)

difensore destro

332 presenze - 44 reti - in Nazionale 14 presenze 

Ha giocato nel JEF per 12 stagioni, dal debutto professionistico avvenuto nel 1992 fino al 2004 quando è passato ai Yokohama F.Marinos. Agiva come terzino destro di spinta, ruolo che occupava con successo anche in Nazionale avendo disputato 2 partite da titolare ai Mondiali 1998 (purtroppo perse entrambe per 1 - 0 con Argentina e Croazia). Si è ritirato dal calcio giocato nel 2006.

 

MAKI Seiichiro - 巻 誠一郎

(Uki, Kumamoto - 7.8.1980)

punta centrale

272 presenze - 70 reti - in Nazionale 38 presenze - 8 reti

Attaccante centrale molto quotato sin da quando militava nelle selezioni giovanili, è passato professionista con il JEF United nel 2003 restando a Chiba per 8 stagioni consecutive. Giocava come centravanti, era molto pericoloso in area e un punto di riferimento offensivo per la squadra. Ha fatto parte della rosa del Giappone ai Mondiali 2006. E' molto amato dal pubblico femminile essendo considerato un "bello" del calcio giapponese (è sposato con l'attrice Kitagawa Tomoko).

 

SHIMOKAWA Kenichi - 下川 健一

(Gifu-shi, Gifu - 14.5.1970)

portiere

320 presenze - in Nazionale 9 presenze 

Storico portiere arrivato al club nel 1989 quando ancora la squadra si chiamava Furukawa Electric (vedi sezione precedente dedicata alla storia) e la J.League non esisteva ancora. Ha difeso la porta del JEF United per 12 stagioni  prima di passare aI Yokohama F.Marinos nel 2001.

 

 IL TIFO

La partita che i tifosi sentono maggiormente è sicuramente il "Chiba Derby" che si disputa contro i "vicini" del Kashiwa Reysol che hanno sede nella stessa Prefettura. Purtroppo il derby di campionato non si gioca più dal 2010, anno in cui entrambe le squadre militavano in J.League 2: da allora il JEF non è più riuscito a risalire nella massima serie. L'ultimo Chiba Derby disputato risale al 2014 valevole per il terzo turno di Coppa dell'Imperatore. Partita che definirei estenuante: 0-0 nei tempi regolamentari, botta e risposta ai supplementari (0-1 di Onaiwu per il JEF  e 1 - 1 di Hashimoto per i Reysol) e degna conclusione per 11-12 ai calci di rigore dopo una interminabile sequenza che ha visto andare sul dischetto (e segnare) anche entrambi i portieri. L'errore decisivo di Leandro (che aveva invece segnato il suo primo rigore) ha regalato al JEF United il passaggio del turno.

 

Nella foto sotto i sostenitori del JEF United presenti in massa al National Olympic Stadium di Shinjuku (Kokuritsu Kasumigaoka Stadium 国立霞ヶ丘陸上競技場) il 23 Novembre 2012 in occasione della finale playoff per la promozione in J.League 1 contro l'Oita Trinita. La partita è stata risolta da una rete di Hayashi all'86° minuto di gioco che ha portato in vantaggio l'Oita costringendo l'allenatore del JEF United Kiyama all'inserimento di due punte al posto di due difensori nel tentativo di trovare il pareggio ma la difesa dell'Oita ha difeso il risultato. Il JEF United è rimasto in J.League 2 e l'Oita trinità ha ottenuto la promozione in J.League 1. Nell'immagine i sostenitori gialloverdi mostrano come d'abitudine l'enorme striscione con la scritta "All You Need Is Football" che è ormai un classico per chi assiste alle partite del JEF United.

Foto Wikimedia Commons - Autore: Waka77 (Opera propria) [CC0]

 

 LA MASCOTTE

Sono due cani di razza Akita (per i dettagli relativi a questi cani come simbolo vedi la sezione precedente dedicata al logo del team) che si chiamano JEFFY ジェフィ, il più grande, che indossa la maglia casalinga numero 2, e UNITY ユニティ, il più piccolo,  che invece indossa la numero 9.

A Jeffy e Unity è stata recentemente affiancata la cagnolina MINACHI-Chan ミナチ-ちゃん, bianca e graziosa, porta un fiocco rosso sul capo e indossa la divisa numero 12.

 

 CURIOSITA'

Fuori dalla stazione di Soga 蘇我駅 Soga-eki, sul lato ovest, in direzione stadio, è stato realizzato un "monumento"  inserito in una aiuola dedicato al JEF United, con tanto di mascotte e di palloni da calcio (foto a destra).

 

 

Foto Wikimedia Commons

Autore:掬茶

(Opera propria) [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)]