Foto Wikimedia Commons - Autore  WAKA77 (撮影者自身による投稿 ( It took a picture for myself )) [Public domain]

Vincendo la JLeague 2017 i KAWASAKI FRONTALE hanno ottenuto il primo titolo nella storia del club. Fondato nel 1955 dalla Fujitsu, multinazionale nel settore dell'informatica, elettronica e climatizzazione, il club assume la denominazione di FUJITSU SC (Soccer Club) proprio per sottolineare il legame con la casa madre. Il passaggio al professionismo avviene solo nel 1997 cambiando nome e diventando KAWASAKI FRONTALE. I colori e soprattutto lo stemma sociale (che in origine era praticamente identico) vennero copiati da quelli utilizzati dal Gremio di Porto Alegre, squadra brasiliana con la quale Kawasaki collabora da sempre. Nel 1999 vengono promossi per la prima volta in J1 ma l'esperienza si rivela fallimentare: ultimo posto con soli 21 punti e immediata retrocessione.

In quel periodo le altre due squadre cittadine, i fortissimi VERDY e il Toshiba FC, si trasferiscono in altre sedi lasciando campo libero ai Kawasaki Frontale che iniziano ad attirare sempre più tifosi alle loro partite. Nel 2004 il crescente interesse attorno al team e una ritrovata competitività portano alla vittoria in campionato e alla nuova promozione. Nella stagione 2006 Kawasaki si piazza al secondo posto in J1, risultato che permette ai Frontale di partecipare alla AFC Champions League 2007 nella quale si confermano squadra solida e preparata: superano il girone di qualificazione e vengono eliminati solo ai calci di rigore nei quarti di finale dagli iraniani del Sepahan FC. 

Negli anni successivi i Frontale raggiungono una certa stabilità in J1 dimostrandosi formazione sempre più competitiva. L'ottimo lavoro del club viene finalmente premiato nel 2017 quando, dopo una formidabile rincorsa, nell'ultima giornata Kawasaki batte l'Omiya Ardija 5-0, raggiunge e supera la capolista Kashima Antlers, bloccata 0-0 a Iwata, e diventa Campione del Giappone per la prima volta. 

 

Per ulteriori approfondimenti e curiosità sui Kawasaki Frontale, la storia, lo stadio, i giocatori celebri del passato, il tifo, la mascotte, accedi alla pagina di puntogiappone dedicata al club cliccando sotto.

SUNG-RYONG JUNG

Foto Wikimeida Commons

di Camw  (Opera propria)

 [CC BY-SA 3.0)]

KENGO NAKAMURA

Foto Wikimedia Commons

di TAKA@P.P.R.S (Opera propria)

 [CC BY-SA 3.0)]

YU KOBAYASHI

Foto Wikimedia Commons

Di Whispered11 (Opera propria)

[CC BY-SA 4.0]



CAMPIONI DEL GIAPPONE 2017 - PANORAMICA DI SQUADRA E INDIVIDUALE 

LO SCHEMA DI GIOCO, LA TATTICA E I PROFILI DEI GIOCATORI UTILIZZATI DAL TECNICO ONIKI, LE CARATTERISTICHE E LE STATISTICHE INDIVIDUALI DELLA SQUADRA CAMPIONE JLEAGUE 2017.

 

SCHEMA DI GIOCO 

Kawasaki ha sempre utilizzato l'ormai collaudato 4-2-3-1, schema al quale il 43enne tecnico Toru ONIKI difficilmente rinuncia. In questo campionato soltanto in tre occasioni i Frontale hanno adottato un sistema diverso: a Sendai (vittoria 2-0 alla 5°giornata), in casa con il Ventforet (1-1 alla 6°) e infine a Sapporo (altro 1-1 alla 7°). In queste gare Kawasaki ha optato per un 4-4-2 con Hasegawa in attacco al fianco di Kobayashi, Rhayner a destra e Kengo Nakamura in posizione più arretrata. Questo assetto, figlio anche di alcune defezioni causate da infortuni, non ha convinto e Oniki è tornato definitivamente al 4-2-3-1. La caratteristica principale di Kawasaki è l'agilità e la mobilità del fronte offensivo, arma davvero notevole soprattutto per la qualità tecnica e l'intercambiabilità degli interpreti. Senza contare che anche le efficacissime sovrapposizioni degli esterni difensivi, possibili grazie alla copertura che Eduardo Neto riesce a dare arretrando la propria posizione, creano spesso superiorità numerica in un crescendo offensivo tambureggiante e difficile da contenere. L'unico piccolo difetto potrebbe essere la mancanza di un vero attaccante di peso (che il pur volenteroso  MORIMOTO non può essere) cui fare ricorso contro certe difese particolarmente chiuse che intasano ad arte gli spazi, ma va riconosciuto che quest'anno Kawasaki non ne ha particolarmente sofferto: resta un problema che potrebbe rivelarsi importante nella prossima stagione, in JLeague ma sopratutto in vista della partecipazione alla ACL, contro avversari che affrontando i campioni penseranno al classico "primo non prenderle". E' ipotizzabile una adeguata campagna acquisti che metta a disposizione di Toru ONIKI il giusto ventaglio di soluzioni alle quali poter opportunamente attingere.

DIFESA

In porta Sung-Ryong JUNG, nazionale Sudcoreano, titolare indiscusso nel ruolo. La difesa a 4 prevede due centrali: Tatsuki NARA, il più attento in copertura e Shogo TANIGUCHI, per duttilità il più propenso a sganciarsi e a cercare sortite in area avversaria, soprattutto approfittando dei calci da fermo. TANIGUCHI è capace di muoversi anche a supporto del centrocampo sfruttando la medesima propensione del mediano brasiliano EDUARDO NETO, a sua volta perfettamente in grado di scalare nella posizione di difensore centrale. Il primo sostituto è il brasiliano EDUARDO, che il tecnico Toru ONIKI ha schierato nella parte centrale del torneo al posto di Tatsuki NARA. Gli esterni sono ELSINHO (a destra) e Shintaro KURUMAYA (a sinistra): entrambi spingono parecchio con il primo più portato a puntare a rete in virtù di una inclinazione più offensiva e il secondo a cercare gli attaccanti con suggerimenti verso il centro dell'area.

CENTROCAMPO

I due centrocampisti centrali che reggono il reparto sono EDUARDO NETO, giocatore molto fisico che fa sentire la sua presenza in mezzo al campo e costituisce il primo schermo di protezione alla difesa, e Ryota OSHIMA, schierato alla sinistra del brasiliano, più agile e tecnico del compagno ma decisamente meno granitico sotto il profilo atletico. 

La batteria dei trequartisti è orchestrata da Kengo NAKAMURA, leader e uomo simbolo dei Frontale, che funge da collante tra l'azione difensiva e quella offensiva,  dispensa assist e non disdegna affatto la conclusione personale. Al suo fianco, Hiroyuki ABE, mezzapunta duttile e tecnica che ha iniziato la stagione sulla destra ma che dopo l'infortunio di Kyohei NOBORIZATO (altro elemento di provata importanza che ha offerto un ottimo rendimento) è stato spostato a sinistra, e Akihiro IENAGA, neo-acquisto di prestigio che però ha faticato parecchio a ingranare mostrando il meglio solo nel finale di stagione. L'azione passa spesso dai piedi di NAKAMURA e IENAGA che con i loro lampi di classe cercano di assecondare gli inserimenti di ABE verso l'area avversaria o di premiare i movimenti offensivi della punta.

ATTACCO

Il terminale offensivo incaricato di finalizzare il gioco di Kawasaki è il mobilissimo Yu KOBAYASHI punta unica difficile da marcare perché offre pochissimi punti di riferimento, inoltre tende a "scambiarsi" continuamente con il già citato ABE aprendo gli spazi per l'inserimento dei trequartisti o degli esterni difensivi, soprattutto a destra quando si propone ELSINHO. Il suo principale sostituto è Tatsuya HASEGAWA che pur lasciando intravedere ottime qualità è sembrato ancora troppo acerbo per incidere in modo davvero significativo. Minutaggio basso per Takayuki MORIMOTO (ex Catania) che però si è sempre fatto trovare pronto, sia in campionato che in ACL o nelle coppe nazionali, ogni volta che il tecnico ONIKI ha deciso di inserirlo, dando un prezioso contributo alla causa (22 presenze e 7 reti ).


 
PORTIERE 

1 - JUNG Sung-Ryong   ョン ソン-リョン

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
POR Sung-Chan ソンちゃん 4 Gennaio 1985 33 - 2.895 7

Nazionale Sudcoreano famoso in patria per aver segnato un gol direttamente da rinvio in amichevole con la rappresentativa U23 nel match contro la Costa d'Avorio (27 Luglio 2008), calciando poco oltre l'area di rigore, sorprendendo con la traiettoria e il rimbalzo il portiere avversario. I Kawasaki Frontale lo hanno acquistato nel 2016 dai Suwon Bluewings schierandolo subito come titolare. JUNG è un estremo difensore fisicamente prestante, esperto e molto affidabile, quest'anno ha giocato tutte le partite di campionato tranne quella di Kashiwa nella quale è stato sostituito tra i pali dal collega Shota ARAI. Vanta 65 presenze in Nazionale con la quale ha disputato i Mondiali 2010 e 2014.

Foto Wikimedia Commons di Camw (Opera propria) [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)]


 
DIFENSORI 

18 - ELSINHO   エウシーニョ

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TD Elson  エウソン 30 Novembre 1989 21 5 1.864 7,5

Classico terzino destro brasiliano moderno con discrete doti di copertura ma più propenso a partecipare all'azione offensiva e cercare la conclusione, come dimostrano le 5 reti stagionali. Nella fase iniziale del torneo è stato costretto ai box da una brutto infortunio rimediato in precampionato (frattura della tibia) entrando in squadra a metà Giugno senza più uscirne. La rapidità e la qualità del brasiliano sono molto importanti per il gioco di Kawasaki perchè riesce a creare continue sovrapposizioni offensive con ABE (o IENAGA) trasformandosi in una vera e propria ala aggiunta in pericolose azioni di raddoppio sempre difficili da limitare. ELSINHO è stato inserito nel BEST11 della JLeague 2017.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

3 - NARA Tatsuki   奈良 竜樹 

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
DC Nara  ナラ 19 Settembre 1993 27 1 2.025 7 

Nativo di Kitami (Hokkaido) è cresciuto nel Consadole, club che lo ha fatto esordire nel calcio professionistico e in J1. Nel 2015 è stato ceduto all'Fc Tokyo dove però ha incontrato difficoltà: 0 presenze in campionato e tanta panchina. Nel 2016 è stato acquistato dai Frontale che lo hanno lanciato senza indugi in prima squadra: purtroppo, dopo un ottimo inizio, nella partita interna contro Kobe (3-1 il 14 Maggio), ha subito la frattura della tibia, come il compagno Elsinho (vedi sopra), infortunio che lo ha tenuto in infermeria fino al termine della stagione. Quest'anno è tornato in campo dimostrando di aver recuperato perfettamente. NARA è un difensore centrale puro, molto incline a tenere la posizione e per questo molto importante per gli equilibri di un reparto che per caratteristiche è più propenso alla costruzione.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

5 - TANIGUCHI Shogo   谷口 彰悟

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
DC / C Tani  タニ 15 Luglio 1991 34 7 3.060 7,5 

Chiave di volta del pacchetto arretrato, piedi educati, senso tattico, TANIGUCHI è un centrocampista adattato in difesa anche se ormai il suo ruolo principale è quello di difensore centrale. Come già accennato in fase di presentazione generale della squadra, è in grado di interscambiarsi in modo molto efficace con il mediano EDUARDO NETO passando velocemente dalla fase di interdizione e di recupero palla a una rapida impostazione dell'azione (o della ripartenza). Shogo TANIGUCHI è nato a Kumamoto, nel Kyushu, ed è cresciuto nella Tsukuba University (stesso percorso del compagno Shintaro KURUMAYA, vedi sotto) che lo ha ceduto ai Frontale nel 2014. In questa sua quarta stagione a Kawasaki ha espresso il meglio del suo repertorio, risultando il giocatore più utilizzato della rosa e mettendo a segno 7 reti, un rendimento che gli ha riaperto le porte della Nazionale Giapponese: dopo l'esordio da mediano contro l'Iraq (4-0 Giugno 2015) e la successiva gara persa in Agosto contro la Nord Corea (2-1), TANIGUCHI era sparito dalle convocazioni, per tornare però a vestire la prestigiosa maglia dei Samurai Blu da Campione del Giappone di nuovo contro la Nord Corea (1-0 il 9 Dicembre).  

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

7 - KURUMAYA Shintaro   車屋 紳太郎 

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TS Shintaro  シンタロウ 5 Aprile 1992 34 - 3.041 7,5 

Nato a Kumamoto come il compagno TANIGUCHI, anche KURUMAYA è un prodotto della Tsukuba University che lo ha ceduto a Kawasaki nel Maggio 2014. L'esordio in maglia Frontale è avvenuto nel corso dello stesso anno quando il tecnico Kazama lo ha lanciato titolare nelle ultime 2 giornate: da quel momento non è più uscito di squadra diventando il padrone indiscusso della fascia sinistra. Come il dirimpettaio ELSINHO dispone di un'ottima propensione offensiva anche se rispetto al compagno ha caratteristiche più difensive che comunque non gli hanno impedito una notevole partecipazione al gioco d'attacco, come dimostrano gli 8 assist forniti ai compagni, Yu KOBAYASHI in primis (5). Le sue ottime prestazioni hanno attirato l'attenzione del CT della Nazionale Halilhodzic che lo ha fatto esordire con la maglia del Giappone in Ottobre contro Haiti (3-3). KURUMAYA è stato inserito nel BEST11 della JLeague 2017.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]


 
CENTROCAMPISTI

21 - EDUARDO NETO   エドゥアルド  ネット

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
CC Neto  ネット  24 Ottobre 1988 31 1 2.530 7 

Eduardo da Silva Nascimento Neto, detto EDUARDO NETO, brasiliano nato a Salvador de Bahia, è arrivato a vestire la casacca dei Frontale nel 2016, proveniente dall'Avai Fc, adattandosi subito senza problemi al calcio nipponico: nella sua prima stagione 27 presenze e 2 gol, ma soprattutto un grande lavoro a protezione della difesa. Come già accennato nella sezione dedicata allo schema di gioco, EDUARDO NETO rappresenta il primo schermo difensivo davanti ai centrali NARA e TANIGUCHI, fa valere il fisico e supporta ottimamente il centrocampo, settore particolarmente nevralgico in una formazione che adotta il 4-2-3-1. La sua prestanza atletica e la sua duttilità gli permettono, all'occorrenza, di essere utilizzato anche come difensore puro. 

Foto Wikimedia Commons di Football.ua [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) o GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)]

  

10 - OSHIMA Ryota   大島 僚太

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
CC Ryota  リョウタ  23 Gennaio 1993 25 1 2.117 7,5 

Nato e cresciuto a Shizuoka (nell'omonima prefettura), area considerata la "culla" del calcio nipponico e rinomata in tutto il Giappone per la produzione e lo sviluppo di talenti calcistici tra i più dotati e vincenti del paese (un nome su tutti, Kazu Miura), OSHIMA è arrivato a Kawasaki direttamente dalla High School (Shizuoka Gakuen) nel 2011. Il club ha subito creduto in lui facendolo esordire poco più che maggiorenne a Kobe (sconfitta 1-0 in Maggio) e schierandolo per la prima volta titolare un paio di mesi dopo a Niigata. OSHIMA è da sempre considerato uno dei giovani più interessanti del panorama calcistico giapponese, ha militato in tutte le rappresentative Nazionali del paese dalla U19 fino alla U23 passando per l'Olimpica e ha saputo mantenere le promesse raggiungendo in questi anni traguardi non indifferenti per un classe '93: titolare fisso nei Frontale, Campione del Giappone e inserito nel giro della Nazionale Maggiore. In mezzo al campo si completa alla grande con EDUARDO NETO con il quale costituisce la spina dorsale della squadra: mentre il brasiliano è più votato alla fase difensiva, le attitudini di OSHIMA lo portano a partecipare più attivamente alla costruzione delle azioni d'attacco. Il suo nome è già circolato sui taccuini degli osservatori europei, soprattutto tedeschi (e in seconda battuta olandesi) e non è escluso che nella prossima stagione possa lasciare Kawasaki.


 
TREQUARTISTI

41 - IENAGA Akihiro   家長 昭博

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TQ Aki  アキ  13 Giugno 1986 21 2 1.291 7 

L'acquisto più prestigioso dei Frontale nel mercato 2017, IENAGA è arrivato a Kawasaki proveniente dall'Ardija con la quale aveva appena vissuto una stagione strepitosa, la migliore nella storia di Omiya, caratterizzata da 11 reti e soprattutto da un 5°posto impensabile per una neopromossa. Il bagaglio tecnico di IENAGA del resto è di un certo livello: nato a Nagaokakyo, periferia a sud di Kyoto, si è messo in luce nelle squadre di Osaka, prima Gamba e poi Cerezo, provando la carriera europea nel 2011 acquistato dal Maiorca, club spagnolo al tempo in Liga; purtroppo il suo inserimento è stato molto difficoltoso e il giocatore non ha reso quanto sperato. Il Maiorca ha cercato allora di valorizzarlo attraverso prestiti in Corea del Sud (Ulsan Hyundai) e in patria (ritorno al Gamba Osaka) ma senza ottenere grandi risultati. Nel 2014 la squadra iberica lo ha ceduto definitivamente all'Omiya Ardija dove il giocatore rinasce, mostra tutto il suo talento e attira l'attenzione dei Frontale. L'inizio non è dei migliori, complice qualche acciacco, ma nella seconda parte di stagione IENAGA diventa sempre più importante, non tanto sotto il profilo meramente realizzato, quanto su quello tecnico-tattico, affiancando Kengo NAKAMURA nei compiti di regia offensiva e iniziando a fornire assist con continuità. Certo da un giocatore come lui ci si aspetta un maggiore contributo in termini di gol segnati ma l'impressione è che questo sia stato il classico anno di transizione tipico nella carriera di IENAGA, nel quale prende contatto con compagni e ambiente prima di esplodere e diventare decisivo.

 

 

14 - NAKAMURA Kengo   中村 憲剛

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TQ / C Kengo  ケンゴ 31 Ottobre 1980 32 6 2.655

Il giocatore più importante nella storia di Kawasaki. Basterebbe questo per descrivere Kengo NAKAMURA, uomo simbolo, leader in campo e punto di riferimento fuori, sia per i compagni che per la società, nella sua cariera ha sempre e solo indossato la casacca numero 14 dei Frontale sin dal suo debutto professionistico avvenuto nel 2003. Elemento imprescindibile a centrocampo, agisce in posizione centrale ma è un giocatore completo che abbina corsa e visione di gioco a una discreta capacità realizzativa: si esprime al meglio come centrocampista "box-to-box" ma è tranquillamente in grado di interpretare anche il ruolo di regista e quello di trequartista in appoggio alle punte. Non è molto imponente a livello fisico ma possiede una discreta forza, un'ottima tecnica ed è abbastanza agile e resistente. Come spiegato nell'analisi generale della stagione (QUI) il problema di Kawasaki sarà quello di trovare una soluzione per sostituirlo al meglio quando appenderà le scarpe al chiodo, un momento non troppo lontano visto che va per i 38, perchè una altro NAKAMURA non c'è, semplicemente non esiste: può darsi che i Frontale del futuro possano avvalersi di nuovi grandissimi talenti ma Kengo resterà per sempre uno dei migliori giocatori nella storia del club. Ha fatto parte della Nazionale Giapponese ai Mondiali del 2010 ed è stato inserito nel BEST11 della JLeague 2017.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

8 - ABE Hiroyuki   阿部 浩之

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TQ / A Abe-Chan  あべ ちゃん 5 Luglio 1989 28 10 2.253 7,5

Nato a Kitakatsuragi (zona sud tra Osaka e Nara) è stato prelevato a Gennaio dal Gamba Osaka per una somma in Yen equivalente a 1 milione di Euro. E' un attaccante molto versatile, non da punti di riferimento ed è l'ideale completamento per una punta come Yu KOBAYASHI. Hiroyuki ABE infatti è in grado di svariare su tutto il fronte offensivo ricoprendo più ruoli: in carriera ha agito prevalentemente da ala destra, ruolo che indubbiamente predilige, ma in questa stagione ha giocato molto spesso come prima punta e, con l'infortunio di NOBORIZATO e la crescita di IENAGA, anche come ala sinistra. Nel 2017 il suo rendimento è stato nobilitato da 10 gol e 7 assist, prestazioni che gli sono valse la prima convocazione in Nazionale: ha debuttato con la maglia dei Samurai Blue il 9 Dicembre contro la Nord Corea (1-0) subentrando all'81' al posto dell'ex compagno al Gamba Shu Kurata.


 
ATTACCANTE

11 - KOBAYASHI Yu   小林 悠 

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
A Yu  ユウ 23 Settembre 1987 34 23 2.953

Ottava stagione in maglia Frontale, sicuramente la migliore sia a livello di squadra che sotto il profilo individuale: il trionfo in JLeague è stato arricchito dal primo posto nella classifica marcatori con 23 reti, un record per KOBAYASHI che non aveva mai superato i 15. E' un attaccante molto mobile, tecnico e rapido al quale è bene non concedere troppo spazio, caratteristiche che rendono complicato un controllo "a uomo" perchè ama svariare lungo tutto il fronte dell'attacco. La sua versatilità gli consente infatti di poter agire anche nella posizione di seconda punta o di ala destra aprendo spazi per gli inserimenti dei trequartisti. Non si tratta insomma di un attaccante statico, il classico "animale" da area di rigore che finalizza e stop, ma sa partecipare all'azione e fornire assist (7). KOBAYASHI è nato ad Aomori (omonima prefettura nell'Honshu settentrionale) nel 1987 quindi non è più giovanissimo ma è un attaccante che, per caratteristiche, potrebbe adattarsi benissimo anche nel calcio europeo. Vanta 11 caps e 2 reti in Nazionale (esordio nell'ottobre 2014 a Niigata 1-0 contro la Giamaica) ed è stato inserito nel BEST11 della JLeague 2017.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]


 

 

RISERVE PRINCIPALI

30 - ARAI Shota   新井 翔太

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
P Shota  ショウタ 1 Novembre 1988 3 - 165 6

Nativo di Chichibu (Saitama), è arrivato a Kawasaki nel 2013 proveniente dai Tokyo Verdy. Ha sempre fatto panchina tranne nella stagione 2015 nella quale ha giocato per buona parte del torneo al posto di Nishibe. Con l'arrivo di JUNG è rimasto portiere di riserva diventando la prima scelta in caso di assenza del titolare. Quest'anno ha indossato i guanti in 3 occasioni: due spezzoni di partita e una gara intera da titolare nella trasferta sul campo dei Kashiwa Reysol (terminata 2-2).

 

 

2 - NOBORIZATO Kyohei   登里 亨平

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TS / CS Nobori  ノボリ 13 Novembre 1990 23 1 1.479 7 

Nato a Higashiosaka (Osaka), veste la casacca dei Frontale dal 2009. E' un difensore esterno mancino che predilige la fascia sinistra ma è in grado di agire anche sulla destra. Ha un'ottima capacità di corsa e una discreta tecnica, caratteristiche che hanno portato il tecnico ONIKI a utilizzarlo anche in posizione più avanzata, come centrocampista sinistro o come trequartista/ala al fianco di NAKAMURA. Nella prima parte di stagione ha trovato molto spazio nella formazione titolare ma un infortunio agli addominali in Settembre ne ha pesantemente condizionato l'apporto nelle ultime gare del campionato. Nel 2011 ha fatto parte della rosa della Nazionale U23 ma non è mai sceso in campo (solo 2 gare in panchina).

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

23 - EDUARDO   エドゥアルド

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
DC Dudù ドゥドゥ 27 Aprile 1993 14 - 1.089 6 

Carlos Eduardo Bendini Giusti, conosciuto come EDUARDO oppure come DUDU' è arrivato a Kawasaki nel 2016 in prestito dai Reysol: dopo le buone prestazioni dello scorso anno il prestito è stato trasformato in acquisto a titolo definitivo ma un infortunio alla spalla lo ha costretto ai box fino a Maggio consentendo a NARA di ritagliarsi spazio come titolare. EDUARDO è un difensore centrale mancino, meno granitico rispetto al compagno ma più tecnico, nelle caratteristiche ricorda più TANIGUCHI: per questo quando quest'ultimo è stato utilizzato a centrocampo il tecnico ONIKI lo ha inserito al fianco di NARA. Vanta 1 presenza nella U23 Brasiliana.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

6 - TASAKA Yusuke   田坂 祐介

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
TD / CD Tasa タサ 8 Luglio 1985 18 - 732 6

Nato a Hiroshima e cresciuto nelle giovanili dei Sanfrecce, è arrivato a Kawasaki nel 2007 facendo il suo debutto da professionista in Settembre (sconfitta 4-0 a Kashiwa). Negli anni successivi il suo rendimento sale di livello al punto tale che nel 2012 passa al Bochum in 2.Bundesliga dove resta per 3 stagioni. Il suo ruolo naturale è quello di centrocampista destro anche se in Germania è stato utilizzato anche a sinistra e spesso con compiti offensivi. Nel 2015 torna ai Frontale ricoprendo però ruoli sempre più arretrati fino a diventare terzino destro nello schieramento a 4. Quest'anno è partito titolare ma con il rientro di ELSINHO è finito in panchina trovando spazio solo come sostituto.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

22 - RHAYNER   ハイネル

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
CD Rhayner ハイネル 5 Settembre 1990 14 1 647

Arrivato quest'anno in prestito dal Ponte Preta via Tombense, RHAYNER è stato schierato soprattutto quando il tecnico ONIKI ha cercato di impostare la squadra con uno schema di gioco differente. Il brasiliano è stato impiegato sulla fascia destra di centrocampo, con licenza di avanzare. Con il ritorno al 4-2-3-1 e all'impostazione classica è sceso in campo con una discreta frequenza fino a Maggio, per poi finire in panchina. Nelle Coppe ha avuto maggiore considerazione rispetto al campionato.

 

 

19 - MORIYA Kentaro   森谷 賢太郎

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
CC Ken Chan けんちゃん 21 Settembre 1988 18 2 763

6,5

Nato a Yokohama, è stato acquistato dai Frontale nel 2013, proveniente dai F.Marinos con i quali aveva debuttato nel calcio professionistico 2 anni prima. Il suo ruolo è quello di centrocampista centrale ed è stato il principale sostituto del titolare OSHIMA, al quale si avvicina per caratteristiche di gioco. Il suo apporto è stato importante nella fase  finale del torneo permettendo al già citato OSHIMA e a EDUARDO NETO di rifiatare: è stato uno dei protagonisti nel 5-1 rifilato in casa al Cerezo Osaka il 30 Settembre, segnando il gol del 2-0 con un tiro dalla distanza. Nelle Coppe nazionali invece è stato schierato quasi sempre come titolare, specialmente in Coppa dell'Imperatore dove non ha saltato neanche un minuto di gioco.

Foto Wikimedia Commons di Whispered11 (Opera propria) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)]

 

 

13 - MIYOSHI Koji   三好 康児

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
CD/CS Koji コージ 26 Marzo 1997 13 1 453 6

Nato a Kawasaki e cresciuto nelle giovanili dei Frontale, MIYOSHI è stato aggregato alla prima squadra nel 2015 debuttando in J1 il 4 Aprile (4-1 al Todoroki contro Niigata) entrando al 90' al posto di Okubo, al quale il tecnico Kazama aveva concesso la consueta "passerella" dopo la doppietta. Nel 2016 il suo impiego e aumentato notevolmente, in modo particolare nella Fase2 dove ha cominciato a vedere il campo anche da titolare e a segnare. MIYOSHI è un centrocampista esterno portato al gioco offensivo, quest'anno è stato schierato soprattutto a destra ma essendo mancino è in grado di agire efficacemente su entrambe le fasce. Attualmente fa parte della rosa del Giappone U20 ma in passato ha fatto parte di tutte le rappresentative nazionali dalla U17 in su. Proprio con la U17 ha preso parte ai Mondiali di categoria giocati nel 2013 negli E.A.U. uscendo agli Ottavi eliminato dalla Svezia (2-1).

 

 

16 - HASEGAWA Tatsuya   長谷川 竜也 

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
A / AD Tatsu タツ 7 Marzo 1994 24 5 949 6,5

Nato a Numazu, prefettura di Shizuoka, HASEGAWA ha fatto il suo debutto in maglia Frontale nella Fase2 dello scorso campionato, collezionando 2 presenze: il debutto a Tosu (sconfitta 1-0) e nella gara conclusiva persa in casa 2-3 con il Gamba, nella quale però ha segnato il suo primo gol da professionista dopo soli 6' di gioco. In questo 2017 il suo utilizzo ha subito un incremento notevole e HASEGAWA ha ripagato la fiducia del tecnico ONIKI disputando un'ottima stagione, facendosi trovare sempre pronto come alternativa principale in attacco, soprattutto a sinistra ma anche come punta centrale al fianco di KOBAYASHI nelle 3 partite, già citate, in cui Kawasaki ha cambiato modulo.

 

 

9 - MORIMOTO Takayuki   森本 貴幸 

Ruolo  Nickname Data di Nascita Presenze Reti Minuti giocati  Voto 
A  Mori モリ 7 Maggio 1988 11 3 153 6

Vecchia conoscenza del calcio italiano (Catania e Novara), MORIMOTO è arrivato ai Frontale nel 2016, proveniente dal JEF United. Per lui si è trattato di un ritorno a casa essendo nativo di Kawasaki e prodotto del fertile vivaio dei Tokyo Verdy. MORIMOTO è una punta pura: lo scorso anno è stato utilizzato per far rifiatare Okubo ma un infortunio al menisco lo ha relegato in infermeria per buona parte del torneo. Con la crescita di HASEGAWA quest'anno in campionato ha giocato poco partendo sempre dalla panchina mentre ha trovato più spazio in Coppa dell'Imperatore (3 presenze e 4 gol).


 

 

ALLENATORE

ONIKI Toru   鬼木 達

Nato a Funabashi (Chiba) è un ex giocatore dei Frontale. Arriva per la prima volta a Kawasaki nel 1998 quando la squadra milita ancora in JFL, proveniente dagli Antlers con la formula del prestito annuale. Torna a Kashima nel 1999 ma non vive un buon campionato, un po' come tutta la squadra, e nel 2000 decide di tornare a Kawasaki con un trasferimento definitivo. Veste la maglia dei Frontale come centrocampista per 7 stagioni prima di ritirarsi dal calcio giocato nel Gennaio 2007. Il club lo inserisce subito nello staff tecnico come assistente allenatore. Nel corso degli anni ha sempre affiancato i tecnici dei Frontale fino al ruolo di vice-allenatore ricoperto sotto Yahiro Kazama fino al termine dello scorso campionato. In questo 2017 la dirigenza lo ha ritenuto pronto per assumere la guida della squadra in prima persona e la scelta si è rivelata giusta. ONIKI ha impostato la formazione utilizzando sempre il 4-2-3-1 rinunciandovi raramente: una scelta più netta rispetto a Kazama che lo alternava a un 3-4-2-1 o al 4-4-2, assetti tattici utilizzati comunque con minore frequenza. La cessione di Okubo non ha pesato più di tanto perché ONIKI ha trovato in KOBAYASHI un attaccante in grado di andare a rete con la medesima frequenza, inoltre gli ha permesso un'impostazione offensiva meno prevedibile, più difficile da "leggere" per le difese avversarie. Riconfermarsi non sarà facile ma la squadra è compatta e nutre piena fiducia nell'allenatore, le basi per trionfare ancora ci sono tutte.

 

 


A cura di Mario A. Persegani, 26 Dicembre 2017