Muoversi a Tokyo

La tessera SUICA

di Mario A.Persegani

Fig.1 - Tessera SUICA
Fig.1 - Tessera SUICA

Muoversi a Tokyo non è difficile anche perché i mezzi pubblici sono all’avanguardia, puntuali, con un’ottima frequenza di passaggio e abbastanza convenienti. Nel corso degli anni ho avuto l’opportunità di sperimentarli un po’ tutti, dai vari bus al taxi, ma credo che il modo migliore per girare la capitale giapponese sia sicuramente la metropolitana. Le prime volte può apparire problematico, specialmente se nessuno vi aiuta, ma una volta familiarizzato con un paio di kanji e imparato a districarsi tra le varie linee girare per Tokyo non è affatto complicato. Come più volte spiegato su puntogiappone tutte le linee della metropolitana appartengono a due compagnie diverse, la Tokyo Metro e la Toei Metro (spesso in finta collaborazione di facciata ma in realtà in forte rivalità commerciale). Per accedere ai treni è necessario fare il biglietto alle erogatrici automatiche poste nei pressi della relativa entrata: pur essendo un’operazione relativamente semplice a volte può risultare un po’ ostica e potrebbero esserci delle code, inoltre per passare da una compagnia all’altra bisogna rifare il biglietto o integrarlo. La tessera ricaricabile SUICA può essere la soluzione migliore e non solo per quanto riguarda gli spostamenti con i mezzi pubblici. Si ottiene presso gli appositi distributori automatici (o negli uffici della JR) posizionati all'interno di tutte le stazioni seguendo le istruzioni indicate (anche in lingua inglese) sul display: la  procedura è semplice e dura un paio di minuti al massimo. Io la utilizzo sempre. Vediamone le caratteristiche principali. Prima di tutto il costo: 2000Y cauzione inclusa. La cauzione è di 500Y quindi al primo rilascio pagherete 2000Y ma ve ne troverete accreditati 1500Y. Una volta terminata la permanenza a Tokyo è possibile restituire la tessera recuperando 500Y di cauzione. 

Fig.2
Fig.2

L'utilizzo è estremamente semplice: basta passarla sull’apposito display laterale (senza inserirla nella fessura) predisposto alle barriere di entrata/uscita della linea metropolitana come illustrato a fianco (Autore Einokapihateinend [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/ immagine Wikimedia Commons). Non è nemmeno necessario estrarla, basta appoggiare il portafoglio e la lettura avviene immediatamente. Sul display vi verrà istantaneamente mostrato il costo del tragitto appena compiuto e il credito residuo. Per ricaricarla è sufficiente recarsi nei numerosi spazi presenti in tutte le stazioni e adibiti a questa operazione. La ricarica può essere effettuata da un minimo di 1000Y a un massimo di 20.000Y. Non abbiate paura di caricare troppo la SUICA perché la tessera può avere anche altri tipi di utilizzo come ad esempio gli armadietti/custodia nelle stazioni, i distributori automatici di bevande, 7Eleven, Lawson, Familymart e i vari convenience stores, negli izakaya e in tutti i negozi convenzionati. Un’altra tessera simile e altrettanto utilizzata è la Pasmo, caratterizzata dal colore rosa: fino a qualche anno fa la SUICA aveva alcune possibilità d'impiego in più ma ora le due tessere si equivalgono. Entrambe NON sono valide per lo Shinkansen. Io prediligo la SUICA forse perché è stata la prima e ci sono affezionato. Infine la risposta alla domanda che mi viene fatta più spesso quando ne parlo: perché si chiama così? La parola SUICA è l’acronimo di SuperUrban Intelligent CArd e pronunciata velocemente richiama la parola giapponese suika 西瓜 che significa anguria, stilizzata all’interno del logo IC (Circuito Integrato) visibile in alto a destra nella Fig.1. Un’altra spiegazione nella quale mi sono spesso imbattuto ma che in Giappone nessuno mi ha ancora confermato in modo inequivocabile è quella che la parola derivi dall’espressione “Sui Sui” che in lingua giapponese esprime l’idea di “muoversi velocemente” e che ben si sposerebbe con l’utilizzo della tessera che fa guadagnare tempo e permette di velocizzare gli spostamenti. Il simbolo adottato dalla SUICA è un pinguino, animale che può sembrare lento ma che invece annovera la velocità tra le proprie caratteristiche peculiari: quando nuota infatti è in grado di ridurre l’attrito con l’acqua grazie a invisibili bollicine di aria che libera dal piumaggio arrivando a raggiungere la velocità necessaria per sfuggire ai predatori.

Fig.3 - Retro
Fig.3 - Retro
Foto 4 - Il pinguino SUICA
Foto 4 - Il pinguino SUICA

Le Immagini contrassegnate come Fig.1, Fig.3 e Fig.4 sono opera propria di tessera personale. Tutti i diritti riservati.